22 septembre 1981

François Mitterrand inaugure la mise en service du Train à Grande Vitesse français à Montchanin.


Mitterrand et l’Allemagne : la véritable histoire


par Hubert Védrine,Jean-Louis Bianco

Une exposition à Château-Chinon


par François Martin

Le gouvernement de la gauche face aux difficultés économiques


par Vincent DUCHAUSSOY,Floriane GALEAZZI

10 mai 1981 : retours sur une victoire


par Hubert Védrine,Pierre Mauroy,Gérard Grunberg,Jérôme Jaffré,François Miquet-Marty

10 mai 1982 : an 1 de la gauche


par Christophe Rosé

Site internet du Centenaire


par Christophe Rosé

François Mitterrand et l’audiovisuel extérieur de la France


par Michèle Jacobs-Hermès,Patrick Imhaus,Jérôme Clément

Pierre Mauroy et François Mitterrand, une longue histoire, 1965-2013


par Pierre-Emmanuel Guigo,Michel Delebarre,Anne-Laure Ollivier,Daniel Vaillant,Rémi Lefebvre,Alain Bergounioux,Ismail Ferhat,Pierre Mathiot,Gilles Finchelstein,Bernard Roman,Patrick Kanner,Georges Saunier,Louis Mermaz,Henri Nallet,Hubert Védrine

Décès d’Helmut Kohl


par Jean-Louis Bianco,Hubert Védrine

Décès de Pierre Bergé


par Christophe Rosé

IMA : 30 ans d’histoire


par Christophe Rosé

François Mitterrand, l’europeo


par Giovanni Roggia,Jean Musitelli

Cronologia dell’€uro


par Giovanni Roggia,Georges Saunier

François Mitterrand, el europeo


par Christophe Bieber,Jean Musitelli

La Europa de Mitterrand


par Christophe Bieber,Hubert Védrine

La Francia, l’Italia e la questione delle estradizioni.


Archives | le 26 mai 2020

Archivi | Il 17 giugno 2004 | Traduzione di Giovanni Roggia

Il caso Battisti – dal nome di un autore italiano di romanzi polizieschi la cui estradizione, per degli eventi relativi agli anni di piombo, è in sospeso – ha rimesso in discussione quella che alcuni hanno chiamato « dottrina Mitterrand ». Ecco qualche estratto degli interventi di François Mitterrand dedicati a questo argomento.

Per leggere l’articolo nella sua versione originale, fai clic qui

Discorso al Palazzo dello sport di Rennes, 1° febbraio 1985.

« Sì, ho deciso per l’estradizione, senza il minimo rimorso, di un certo numero di uomini accusati di avere commesso dei crimini. Non ne faccio una politica. Il diritto d’asilo, dal momento che è un contratto tra colui che ne beneficia e la Francia che lo accoglie, sarà sempre ed è sempre stato rispettato ; non era stato peraltro richiesto, nella fattispecie, in tempo utile. Mi rifiuto di considerare a priori come terroristi attivi e pericolosi degli uomini che sono venuti, in particolare dall’Italia, molto tempo prima che io esercitassi le mie responsabilità pubbliche, e che si stavano raggruppando qua e là, nella periferia parigina, pentiti … a metà, del tutto, … non lo so, ma fuori dal gioco. Tra loro, sicuramente una trentina di terroristi attivi e implacabili. Essi sono esattamente coloro che noi non controlliamo, ovvero dei quali non conosciamo la posizione. Diciamo che sono in Francia ? La Francia è in ogni caso un paese – senza che io possa prevedere in alcun modo ciò che accadrà domani – nel quale abbiamo avuto un’impronta meno sanguinosa rispetto ad altrove, anche se ha comunque provocato troppo spargimento di sangue. Ma dico con forza : la Francia è e sarà solidale con i suoi alleati europei, nel rispetto dei loro principi, del loro diritto : sarà solidale, rifiuterà tutte le protezioni dirette o indirette al terrorismo attivo, reale, sanguinario. »

Resoconto del pranzo di lavoro con Bettino Craxi, Presidente del Consiglio dei ministri italiano, 22 febbraio 1985.

« Noi abbiamo circa 300 italiani rifugiati in Francia dal 1976 che da quando sono nel nostro paese si sono “pentiti” e ai quali la nostra polizia non ha nulla da rimproverare. C’è anche una trentina di italiani che sono pericolosi, ma sono dei clandestini. Bisogna quindi prima di tutto trovarli. Poi non saranno estradati fino a che non dimostreranno che hanno commesso dei crimini di sangue. Se i giudici italiani ci invieranno dei dossier seri che provino che c’è stato un crimine di sangue, e se la giustizia francese darà un parere positivo, allora accetteremo l’estradizione.
Per quanto riguarda i nuovi arrivati, siamo pronti ad essere molto severi ed avremo con voi lo stesso accordo che con la Spagna. Siamo pronti ad estradare o ad espellere in futuro i veri criminali sulla base di dossier seri. Ne abbiamo due attualmente che potranno essere estradati sotto riserva della giustizia francese. »
Conferenza stampa congiunta con Bettino Craxi, 22 febbraio 1985.
« I principi d’azione sono semplici da definire. È spesso meno semplice metterli in pratica. Si tratta di terrorismo, che è per definizione clandestino ; è una vera e propria guerra. I nostri principi sono semplici.
Ogni crimine di sangue sul quale ci viene chiesta giustizia – da parte di qualsiasi paese ed in particolare dall’Italia – giustifica l’estradizione qualora la giustizia francese decida in tal senso.

Ogni crimine di concorso evidente nei crimini di sangue deve portare alle stesse conclusioni. La Francia, come qualunque altro paese e ancor più degli altri paesi, conduce una lotta senza compromessi contro il terrorismo. Da quando ho un incarico negli affari pubblici, non c’è mai stato alcun compromesso e non ce ne saranno.
Il caso particolare che ci è posto e che alimenta le conversazioni, è quello di un certo numero di italiani venuti, in gran parte, da molto tempo in Francia. Sono nell’ordine di 300 circa – più un centinaio che era già presente prima del 1981 – che hanno rotto in maniera evidente con il terrorismo. Anche se essi si sono resi colpevoli in precedenza, cosa probabile in numerosi casi, essi sono stati accolti in Francia, non sono stati estradati, si sono integrati nella società francese, vivono e si sono molto spesso sposati. Vivono in ogni caso con la famiglia che si sono scelti, esercitano dei mestieri, la maggior parte ha chiesto la naturalizzazione.

Essi pongono un problema particolare sul quale ho già detto che al di fuori dell’evidenza – che non è stata fornita – di una partecipazione diretta ai crimini di sangue, non saranno estradati. Questo l’ho ripetuto al Presidente del Consiglio poco fa, non in risposta a ciò che mi domandava ma in risposta a un certo numero di procedimenti giudiziari che sono stati istituiti nei confronti della Francia.

Ben inteso, per tutti i dossier seriamente documentati che dimostrino che sono stati commessi dei crimini di sangue o che, scappando dalla sorveglianza, alcuni di loro stanno continuando ad esercitare delle attività terroristiche, questi saranno estradati o, secondo la gravità del crimine, espulsi ».

Per leggere l’articolo nella sua versione originale, fai clic qui

***
Giovanni Roggia è studente dell’Università di Bologna in doppia laurea magistrale all’Université de Paris (ex Paris 7 - Diderot) nel corso dell’a.a. 2019-2020. Le sue ricerche in ambito storico trattano la relazione tra François Mitterrand e l’Europa dell’Est tra il 1989 e il 1992 e la relazione franco-italiana negli anni Settanta e Ottanta. Da febbraio 2020 è stagista all’Institut François Mitterrand di Parigi.


IFM — 33 rue du Faubourg Saint-Antoine 75011 Paris — Tél. +33 1 44 54 53 93 — Fax. +33 1 44 54 53 99 — ifm@mitterrand.org — © 2005-2020 — Mentions légales